top of page

OSSERVAZIONE E' TRASFORMAZIONE


Nel grande viaggio all'interno di noi stessi, sia con Metamorfosi che con la Numerologia, dobbiamo ricordare che il semplice "SAPERE", dati, aspetti, caratteristiche non incontrerà mai la verità profonda, in quanto il sapere vive nel tempo e la verità nel presente.

Senza radicamento nel presente "la spiritualità o la conoscenza" non sono altro che una "via di fuga" della mente. Solo avendo il coraggio di vedere noi stessi nella nostra nudità, accorgendoci della realtà che ci circonda, bella o brutta che sia (secondo i parametri della mente abituata a separare) possiamo prendere coscienza e diventare consapevoli di ciò che si muove realmente dentro e fuori di noi.


Ogni situazione, emozione o ostacolo che incontriamo custodisce un proprio potere che ha la necessità di essere liberato (non trattenuto). Questo potere unitamente alla presa di coscienza attivano il movimento di trasformazione, una comunicazione vera, nell'unità, per il semplice fatto di essere stati così audaci da accogliere ciò che è, senza opporre resistenza.


Essere responsabili significa esercitare la propria capacità di rispondere sul momento a qualsiasi situazione o fatto si presenti, implica un'acuta attenzione al fatto e una disponibilità a lasciare che sia, consentendogli di trovare la sua direzione di liberazione o trasformazione priva di attaccamenti o opposizioni. Ricordiamo che la mente cercherà sempre di incorniciare attraverso le parole ogni cosa, e ciò che ne risulta lo chiamerà "realtà".


Come diceva Gaston Saint Pierre: "Questa vita diventa un atto d'amore se abbracciamo consapevolmente il campo della DUALITA' che agisce nel tempo, nello spazio e nella materia e il campo dell'UNITA', fuori da tempo, spazio e materia. Ed è questo l'amore che possiamo trasmettere attraverso la nostra "intensità di essere" nella vita.


Questo articolo può essere condiviso e divulgato citando la fonte dello stesso Blog, rispettandone la forma, priva di modifiche. Immagini protette da copyright.

©2022 SPIRIT Blog di Cristin Gioia Naldi



bottom of page